Anche l’Auser in Marcia… per il clima

Pubblicato il Pubblicato in Informazioni Portale

Roma – “Anche gli anziani vogliono dire la loro sulla tutela dell’ambiente e dell’aria che respirano e si vogliono mobilitare con idee e progetti innovativi per un invecchiamento attivo e sano”. Così sottolinea l’Auser RisorAnziani che è parte del Comitato Promotore che ha dato vita alla grande manifestazione nazionale “In Marcia per il clima” che si svolgerà a Milano il prossimo 7 giugno. Un evento che vede la partecipazione di un ampio cartello di organizzazioni della società civile impegnate tutte in ambiti diversi del sociale.

“Gli anziani sono fra i soggetti più esposti ai repentini cambiamenti climatici in atto” sottolinea il presidente nazionale Auser, Michele Mangano. “L’estate è alle porte ma per gli anziani, soprattutto quelli soli e non autosufficienti, può iniziare il periodo più difficile dell’anno. Sono fra i soggetti più a rischio durante il periodo estivo, soprattutto a causa delle micidiali ondate di calore che rendono l’aria irrespirabile ed ogni minima azione di vita quotidiana difficile e faticosa. Fare la spesa, andare alla posta, recarsi ai controlli medici, diventano ostacoli insormontabili. Un insieme di problemi che si sommano alla solitudine.”

La rete di solidarietà dell’Auser conosce bene questa realtà e da anni la contrasta attraverso il programma estivo “estate serena” che comprende la distribuzione di una guida per “vivere all’ombra di ogni solitudine”, il potenziamento del servizio di telefonia sociale Filo d’Argento, le sedi Auser “aperte per ferie” con un fitto calendario di incontri di socializzazione.

Sabato 7 giugno, alla Marcia per il Clima, i volontari dell’associazione saranno presenti in tanti e distribuiranno ai cittadini materiale informativo sui servizi di aiuto agli anziani.

La sensibilità verso la tutela dell’ambiente da parte degli anziani, l’Auser la può testimoniare attraverso numerose attività. Ne segnaliamo due dal colore “verde argento” e di grande attualità.

Agropoli
Si continua a lavorare per avviare la raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta” su tutto il territorio di Agropoli. Uno dei primi passi è stato il coinvolgimento della società civile in un percorso di educazione, sensibilizzazione e presidio del territorio. Con l’Auser protagonista. L’associazione infatti metterà a disposizione circa 50 “eco nonni” per attività di informazione sulla differenziata nella città di Agropoli. L’Assessore all’ambiente del Comune sottoscriverà un accordo con l’Auser, per il coinvolgimento degli “Econonni”.

Reggio Emilia
Si chiamano “isole ecologiche” e non sono villaggi vacanza dove crogiolarsi al sole, ma luoghi dove si pratica la cultura della raccolta differenziata dei rifiuti e del loro riciclo. In provincia di Reggio Emilia ce ne sono alcune che funzionano benissimo, grazie ad una positiva e consolidata collaborazione fra enti locali, aziende consortili dello smaltimento rifiuti e volontariato, l’Auser in prima fila. Solo nell’isola ecologica di Campagnola Emilia sono impegnati 25 volontari, tutti pensionati, che dal lunedì al sabato, mattina e pomeriggio divisi in turni, presidiano l’isola ecologica appena fuori dal centro. Le isole ecologiche della provincia di Reggio Emilia sono circa 65, di queste 17 sono gestite dall’Auser con 176 volontari coinvolti. I volontari che hanno deciso di “stare sull’isola” e di impegnarsi in questa attività al servizio della comunità, hanno acquisito una profonda consapevolezza dell’importanza del riciclo e del recupero e si sentono orgogliosi di quello che fanno, soprattutto quando l’esperienza delle isole viene additata a modello di buona pratica di cittadinanza attiva e di civiltà.

fonte www.volontariatoggi.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *