Agropoli: Basta giocare a pallone in piazza

Pubblicato il Pubblicato in Informazioni Portale

Agropoli. «L’isola pedonale non è un parco giochi dove “parcheggiare” i bambini compromettendo la serenitá di pedoni e commercianti». Lo affermano a chiare lettere gli esercenti del centro di Agropoli che minacciano una serrata. Il presidente della Confcommercio, Germano Rizzo, ha inviato una lettera all’assessore allo Sviluppo Eugenio Benevento e al comandante della polizia municipale, Maurizio Crispino.
«La Confcommercio di Agropoli – scrive Rizzo nella nota – facendosi interprete delle sollecitazioni e delle proteste dei commercianti del centro, dove c’è l’isola pedonale, chiede che siano presi dei provvedimenti per risolvere il problema derivante dall’uso improprio dell’area pedonale e della piazza, diventate un vero e proprio parco giochi, ad uso e consumo dei tanti bambini che qui vengono “parcheggiati” dai propri genitori». Secondo quanto sostengono i commercianti, i ragazzini non rispetterebbero i divieti di giocare a pallone ed utilizzare le biciclette, imposti nell’area pedonale di piazza Vittorio Veneto. «L’ultimo episodio – racconta uno dei commercianti del centro – si è verificato sabato: una cliente uscendo dal negozio è stata colpita in pieno volto da una pallonata. Come al solito l’autore è scappato e i genitori hanno fatto finta di niente. Siamo sul piede di guerra se la situazione non sará risolta, promuoveremo una serrata».
I commercianti lamentano che spesso le vetrine vengono colpite durante le partite di pallone e che, in più occasioni, hanno subito dei danneggiamenti. «E’ sotto gli occhi di tutti – conclude Rizzo nella nota – la confusione creata da questi ragazzi che scorazzando su biciclette e rincorrendosi confusamente giocando a pallone, creano fastidio e disagio alle normali attivitá dei negozi così come ai tanti cittadini che vorrebbero godere di una passeggiata tranquilla in una zona creata proprio per questo, e che vengono colpiti con pallonate improvvise». Rizzo poi conclude: «Siamo convinti che saranno comprese le ragioni delle sollecitazioni dei commercianti ma anche di tanti cittadini infastiditi che frequentano il centro cittadino, e saranno presi i necessari provvedimenti».

angela sabetta – La Città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *